• pont_d'ael finito
  • pont_d'ael finito gen
  • MODELLO SCRITTA NUOVO 2
  • 07 (2)

 

COPIA PER ESTERNI DELL’ISCRIZIONE DEL PONDEL-PONT D’AEL

 

Per il cliente “Regione Autonoma Valle d’Aosta” abbiamo realizzato una copia per esterni dell’iscrizione del Pondel-Pont d’Ael, un ponte acquedotto romano che sorge presso il villaggio omonimo nel comune di Aymavilles . Fu edificato nel 3 a.C. per l’irrigazione e il rifornimento di un lavaggio di minerale per la colonia di Augusta Prætoria Salassorum, l’odierna Aosta, allora appena fondata.

L’iscrizione fu posta dai due proprietari (3 a.C.) ad attestare la natura privata del celebre ponte che scavalca il torrente Grand Eyvia nella Valle di Cogne.

È stata incisa su tre blocchi di pietra calcarea e si presentava corrosa dal tempo e dall’acqua fuoriuscita per anni da un’apertura ricavata nel tentativo, vano, di rubare le lastre.

L’epigrafista Vincenzo Promis nel 1862 l’aveva ridisegnata facendosi appendere con le corde al ponte così come oggi è stato realizzato il rilievo laser scanner 3D, che ha messo in evidenza un grossolano errore nell’antico ridisegno: al centro delle lastre non c’è la lettera V, ma la G.

La copia è stata realizzata in resine resistenti alle intemperie per proteggere l’originale e rendere più visibile la forma della scritta, ovviando anche all’errore delle tavole del 1862. Nel corso del progetto sono state fatte numerose prove sia per i materiali che per il sistema di ancoraggio e dal master è stato realizzato uno stampo che ha dato vita a due copie della scritta, una per l’esterno e una per interni da esporre nel museo.