• egizio_h6
  • egizio_h5
  • egizio_h4
  • egizio_h3
  • egizio_h2
  • egizio_h1
  • egizio_g
  • egizio_f
  • egizio_e
  • egizio_d
  • egizio_c
  • egizio_b
  • egizio_a
  • egizio_0a

 

Un’importante recente collaborazione di cui TryeCo 2.0 è orgogliosa, grazie a Todo e Compagnia di San Paolo, è quella col Museo Egizio di Torino, che ha riaperto il 1 Aprile 2015 con un nuovo allestimento. TryeCo 2.0 negli ultimi mesi si è occupata della realizzazione delle riproduzioni di 16 diverse opere del Museo Egizio, che ha lanciato nell’ottobre scorso la ‘spedizione’ Egizio 2015. Un viaggio in un’esposizione museo completamente rinnovata e dotata di nuove installazioni e servizi interattivi, il cui scopo è stato quello di rendere ancora più coinvolgente e affascinante il “viaggio nel tempo” nel più importante museo – dopo quello del Cairo – dedicato all’egittologia. Il tutto grazie a un inedito connubio tra storia e tecnologia, che ha reso possibile attraverso l’impiego di stampanti 3D la perfetta riproduzione dei reperti conservati nello storico Palazzo dell’Accademia delle Scienze che dal 1824 ospita l’immensa collezione di ritrovamenti archeologici.

Riproduzioni che ovviamente non hanno tolto spazio alle vere opere del museo, ma sono state posizionate in installazioni – interattive e non – visibili anche dall’esterno del palazzo. I due esempi principali sono la grande clessidra di vetro posizionata davanti all’Accademia delle Scienze in Piazza San Carlo e la teca interattiva della Spedizione Egizio 2015: un’installazione itinerante in varie zone del capoluogo piemontese attraverso cui curiosi e appassionati hanno potuto ‘scavare’ attraverso un braccio meccanico nella sabbia all’interno della teca rivelandone così i segreti. Segreti realizzati proprio da TryeCo 2.0 attraverso la scansione e la riproduzione 3D – con un livello di precisione al decimo di millimetro – delle opere del Museo Egizio. La clessidra ha invece iniziato il suo ‘countdown’ alcune settimane prima del 1 Aprile, e mentre la sabbia scorreva lentamente verso il basso si avvicinava il momento in cui veniva svelato il suo tesoro nascosto nella parte superiore, la Dea Hathor realizzata da TryeCo 2.0.

Le repliche dei reperti realizzate da TryeCo 2.0 sono state utilizzate, quindi, in diversi momenti della campagna integrata:

  • All’interno di una grande installazione open-air in una delle piazze più belle di Torino: la Clessidra, che al termine del conto alla rovescia verso l’inaugurazione ha svelato una splendida Dea Hathor.
  • Nascoste sotto la sabbia e poi svelate dal soffio del braccio robot della Teca interattiva, che è stata presentata al pubblico in varie tappe durante la Spedizione di Egizio 2015: un’occasione ludica per coinvolgere tutta la città nella riscoperta del Nuovo Museo Egizio.

16 reperti scansionati e riprodotti in repliche
1.200 kg di resina utilizzata per la produzione delle repliche
Una campagna ideata e realizzata da TODO per Compagnia di San Paolo.
Documentazione video: Paolo Ceretto e Alessandro Bernard
Documentazione fotografica: PEPE fotografia, Amedeo Spagnolo
Rilievi 3D dei reperti: Ad Hoc 3D Solutions
Produzione repliche: TryeCo 2.0

Per saperne di più: http://compagnia.egizio2015.it